TERME ITALIANE: IL RELAX TERMALE

Gli ultimi dati Eurobarometro, con un sondaggio che ha coinvolto 30mila persone nei ventotto Stati dell’Unione Europea, ci raccontano che il wellness è ancora in cima ai desideri di molti cittadini del vecchio continente. Nella maggior parte dei casi, si scelgono le terme e le beauty farm esclusive alla ricerca del riposo, dello svago e del benessere.

Circoscrivendo la ricerca alla sola nostra Italia, scopriamo che il 60% degli italiani si sente stressato e fuori forma e quindi le strutture termali sembrano la scelta perfetta per ritrovare un po’ di equilibrio mentale e fisico, alla ricerca di nuove energie e una silhouette che permetta di sentirsi completamente a proprio agio.

E poi c’è il rientro a lavoro dopo le vacanze estive che è per molti traumatico: ce lo raccontano ogni anno i telegiornali snocciolando dati e statistiche su quanto sia fonte d’insoddisfazione tornare alla solita routine, con relative noia e inquietudine. Lo stress da rientro dalle vacanze è la sindrome più comune che colpisce in autunno perché una volta tornati alla solita vita inizia a sorgere l’idea di non poter più “scappare” prima della prossima estate.

TERME ITALIANE IN AUTUNNO

Ma non tutti si lasciano trascinare in questo stato dell’anima e, proprio per combatterlo, cercano di affrontare con l’atteggiamento giusto la settimana lavorativa pensando all’autunno come una vera e propria opportunità: questa si presenta, infatti, come la stagione ideale per trascorrere il weekend immersi nella natura e nelle acque calde di qualche spa, perché le due cose spesso sono legate: le migliori strutture wellness del nostro Paese sorgono infatti nel verde e nel silenzio, proprio perché sembra inconciliabile prevederle all’interno delle rumorose città (anche se ne esistono di molto famose e frequentate anche di questo secondo tipo).

TERME IN ITALIA: QUALI REGIONI ITALIANE SONO SCELTE PER LE TERME?

La Toscana è la regione più “spa addicted” e non è un caso visto che qui ci sono acque dalle preziose proprietà salutari, con strutture che negli anni hanno ricevuto riconoscimenti importanti. Come Fonteverde Tuscan Resort & Spa, premiata addirittura Migliore Spa d’Italia dal prestigioso sito newyorkese SpaFinder. La struttura arricchisce di glamour una storica tradizione, perché le acque di San Casciano dei Bagni erano apprezzate fin dall’epoca degli Etruschi e dei Romani. Tutto, infatti, ruota intorno al latino salis per acqua, salute per mezzo dell’acqua (da cui poi l’acronimo spa), in cinquemila metri quadrati e sette piscine, con trattamenti che cullano il corpo e la mente.

MIGLIORI TERME ITALIANE

Premiato invece dai viaggiatori di TripAdvisor è l’Adler Thermae Spa Resort, che poco tempo fa si è aggiudicato la medaglia d’oro, europea e mondiale, di Miglior Hotel Relax & Spa. Affacciato su una gigantesca piscina, tra le silenziose colline della Val d’Orcia, ha una spa che incanta per via della presenza della cava di travertino da cui è ricavata. Tra i trattamenti spiccano i Balance, programmi dimagranti, antristress e detox.Un vero e proprio esilio termale, perfetto per coloro che trovano piacere nel silenzio e nella solitudine, è invece la Grotta Giusti, a Monsummano Terme. Delimitate da stalagmiti e stalattiti, le sale si chiamano Paradiso, Purgatorio e Inferno, secondo le diverse temperature al loro interno, e regalano un risveglio del metabolismo ed effetti beauty sulla pelle.

TERME NATURALI IN ITALIA

Nel verde del Parco Nazionale della Majella sorge Le Riserve, moderna struttura in pietra il cui progetto è stato selezionato per la VI Biennale di Architettura di Venezia. Il suo fiore all’occhiello è sicuramente la spa, con un ricco menu di programmi che, proprio riprendendo lo spirito del luogo, vengono chiamati Sentieri. In Veneto non può non essere nominato Abano, la tradizione termale probabilmente tra le più famose in Italia. Il Grand Hotel Trieste & Victoria è la stessa struttura dove il generale Diaz redasse il Bollettino della Vittoria che chiuse il primo conflitto mondiale, come testimonia proprio il nome dell’hotel voluto da D’Annunzio, anche lui di casa qui. I mobili sono d’epoca e gli oggetti d’arte creano eleganti atmosfere retrò, esaltate dal parco di 30mila metri quadri dove ci si può immergere nell’acqua termale di quattro grandi piscine. Dall’altra parte delle Alpi, invece, sono famosissime anche per i viaggiatori stranieri le Terme di Pro-Saint-Didier, che recuperano tradizioni che partono dall’antica Roma e trionfano nell’Ottocento. Tra le camere si sviluppa un percorso tra idromassaggio, cascate fortificanti, saune a tema e bagni a vapore; mentre fuori ci si può immergere in tre piscine, e se si è fortunati si potrebbe anche essere circondati dalle prime nevi autunnali.