L’autunno è sicuramente il periodo migliore per decidere di tornare in forma e, oltre alle classiche attività sportive, il nostro Paese è all’avanguardia per quanto riguarda alcune discipline che non guadagnano spesso le prime pagine dei quotidiani sportivi ma che contano moltissimi tifosi e appassionati lungo tutto il nostro territorio.

SPORT ELITARI: EQUITAZIONE

Per esempio, l’equitazione è una delle attività più amate dagli italiani tra queste perché permette di vivere a stretto contatto con la natura fin da piccoli.

EQUITAZIONE IN ITALIA

Facendo una rapida panoramica, da nord a sud, l’Italia è ricca di maneggi all’avanguardia dove anche i più piccoli possono iniziare ad avere i primi contatti con questo sport. A Mariano Comense, in provincia di Como, è presente l’Azienda Agricola Millefiori, centro ippico affiliato FISE e Seftitalia che offre scuola di equitazione, con lezioni per adulti e bambini. Qui, in particolare, viene dedicata massima attenzione all’avviamento dei bambini nonché vengono organizzate lezioni individuali o di gruppo di ippoterapia.

EQUITAZIONE IN LOMBARDIA, TOSCANA, CAMPANIA, UMBRIA

La Lombardia è da sempre la regione che ospita il più alto numero di maneggi (anche perché il territorio, molto esteso e pianeggiante, sembra essere perfetto per questo tipo di sport) ma spostandoci poco più a sud non possiamo tralasciare la Toscana, l’Umbria e la Campania. In provincia di Pisa, sorge il Centro Ippico Silverado Riding Trak che offre un’ottima scuola di equitazione per principianti sia all’americana che all’inglese con corsi di avvicinamento al cavallo e di avvio istruttore equestre.

In provincia di Perugia è famoso l’Agriturismo Goccia di Luna, ad Umbertide, per la sua posizione panoramica e tranquilla nella Valtiberina ma anche perché, oltre ad essere un classico agriturismo, questa struttura dispone anche di un maneggio con affitto box per i propri cavalli e offre la possibilità di organizzare passeggiate a cavallo con guida equestre.

Concludiamo spostandoci ad Ascea Velia, in provincia di Salerno, dove sorge La Fattoria, a pochi metri dalla sponda del fiume Alento, paesaggio perfetto per vivere la natura in sella grazie alla vicina area archeologica e le lunghe spiagge del tratto costiero che distano solo un chilometro.

SPORT VELA IN ITALIA

L’Italia è famosa nel mondo anche per la sua competitività nella Vela e questo ci viene raccontano dai recenti successi registrati in questo sport. Siamo infatti campioni del mondo di 420, gara disputatasi a Sanremo la scorsa estate con l’oro conquistato da Francesca Russo Cirillo in coppia con Alice Linussi e il bronzo vinto da Maria Vittoria Marchesini e Cecilia Fedel. I due equipaggi triestini, entrambi della Società Velica Barcolla e Grignano, hanno portato a termine una prestazione a dir poco perfetta, portando in alto i colori dell’Italia. Non è un caso ritrovarci spesso sul tetto del mondo in questa competizione visto che lungo tutta la nostra costa – dalla Liguria alla Sardegna, dalla Costiera Amalfitana al golfo di Venezia – sono tantissimi i circoli velici che durante tutto l’anno ospitano corsi di vela per adulti e ragazzi.

Tra l’altro, dal 2013 l’Italia partecipa alla Mailing Champions League, un nuovo standard di competizione mutuando da altri sport (in questo caso il calcio) una formula semplice e di successo, capace di valorizzare i circoli attraverso regole condivise a livello europeo. Il sistema si è diffuso così tanto da permettere alle Leghe nazionali di elevare il proprio standard di regate e selezionando i migliori equipaggi per la fase finale della Mailing Champions League, che laurea il miglior circolo velico continentale.

SPORT SCHERMA

Nell’anno delle Olimpiadi non possiamo non nominare la Scherma visto che siamo da sempre i migliori in questo sport, con più di cento medaglie raccolte ai Giochi Olimpici e più di trecento totali nei Campionati Mondiali (senza contare quelle delle Coppe del Mondo, dei Campionati Europei e dei Giochi del Mediterraneo). In totale gli atleti tesserati sono quasi ventimila, con un’impennata registrata negli ultimi dieci/quindici anni probabilmente dipesa da politiche federali più brillanti e dalla diffusione dei social network che sono serviti come vetrina per molti sport da noi erroneamente considerati da sempre minori. Tutto ciò ha quindi portato ad un maggior investimento non solo nella promozione dello sport in sé ma, soprattutto, nella modernizzazione degli impianti. In ogni caso, mentre in ogni città ci sono campi da calcio, calcetto, tennis o basket a gestione comunale, possiamo notare come non ne esistano ancora per la scherma, vista come sport del tutto elitario.