Che il Made in Italy sia sinonimo di qualità è ormai cosa nota in tutto il mondo. Solo in Italia sappiamo coniugare in armonia passato e futuro creando prodotti in grado soddisfare qualunque esigenza.

È grazie a questo nostro pregio che, nel settore della nautica, possiamo considerarci leader mondiali. Basti pensare che circa il 49% degli ordini mondiali effettuali nel 2017 relativi a yacht superiori ai trenta metri sono stati affidati a cantieri navali italiani.

Questo successo è dovuto non solo alla bravura e all’esperienza degli artigiani, i maestri del legno, ma anche alle più innovative tecnologie ed al design italiano.

Questo è quanto emerge al Versilia Yachting Rendez-Vour, la prima rassegna internazionale dedicata alle imbarcazioni di lusso tenutasi presso la Darsena della Versilia. Un evento riservato alle eccellenze del settore nautico per presentare le novità dei grandi cantieri navali internazionali. Lungo il porto versigliese erano ormeggiate circa settantadue yacht, ognuna con una sua peculiarità che la rendeva unica agli occhi del visitatore. I mega yacht di oggi non vogliono solo essere sicuri ed in grado di affrontare qualunque avversità marittima, ma soprattutto vogliono regalare emozioni e comfort per chi li guida e per chi vi soggiorna.

Tra le imbarcazioni italiane sicuramente hanno attirato l’attenzione il Pacha Mama dei Cantieri Baglietto ed Atlante dei cantieri Ferretti.

Anche se i grandi yacht giocano sicuramente un ruolo importante in questa kermesse, riescono a ritagliarsi un ampio spazio di manovra anche il settore dei gommoni. Basti guardare le proposte per i venti metri provenienti da colossi come Sacs, Anvera, Magazzù e Tecnorib per capire che più gommoni sembrano dei veri e propri tender.

Sicuramente il must dell’evento è il lusso, quello evidente ma non invadente, in perfetto italian style.

Photo via VisualHunt