La Toscana è nota in tutto il mondo per la qualità delle sue produzioni e per il valore delle sue aziende. Esistono però delle nicchie di eccellenza, per lo più sconosciute al grande pubblico, che, nondimeno, sono meritevoli di essere trattate come esempi virtuosi di economia legata al territorio.

È il caso dell’Antico Pastificio Morelli 1860, pasta fatta in Toscana da cinque generazioni. La caratteristica che la rende unica è il germe di grano, ricco di sapori e ingredienti attivi nutrienti che viene reintegrato nel mix di pasta, e i vecchi metodi tradizionali che iniziano con l’accurata selezione dei migliori semolini di grano duro. Questa sapiente artigianalità rappresenta un segmento vitale per questa nicchia di mercato di qualità. Sempre nel campo agro-alimentare, è da segnalare la Torrefazione Caffè Leonardo.

Si trova in un bellissimo contesto storico e culturale, a pochi minuti da Vinci, la città dove nacque Leonardo di Ser Piero da Vinci. Nata nel 1963, è un’azienda artigianale legata alle antiche tradizioni con eccellente reputazione ed elevata professionalità che derivano dalla qualità delle sue miscele, dalla diligente attenzione rivolta al servizio clienti e ai valori delle relazioni umane. Di generazione in generazione, ci si tramanda i segreti delle miscele di caffè e il processo di tostatura per garantire sempre un prodotto di alto pregio. Qualità, tradizione e innovazione: tre pilastri del Made in Italy che rappresentano il cuore di Zetati, la fabbrica di cuoio che ha la sua sede a Bagno a Ripoli, tra le colline del Chianti e la Cupola di Brunelleschi.

Dalla ricerca stilistica al design passando per la realizzazione di prodotti finiti; ogni collezione è accuratamente rifinita in ogni dettaglio e dove lo stile, la qualità e l’innovazione si combinano per offrire un prodotto eccezionalmente artigianale. Dalla confluenza tra la tradizione artistica e culturale del Rinascimento fiorentino e la raffinata arte degli artigiani senesi nasceva esattamente trentasette anni fa Vebali, in quel di Monteriggioni, provincia di Siena.

Questa sintesi di due eccellenze tipicamente italiane continua a essere presente attraverso la creazione di manufatti molto preziosi. Tutto è basato su qualità assoluta, design e servizio impeccabile, una vera e propria “eccellenza toscana”. Vebali produce specchi, lavandini, vetri, mobili, tavoli, tavolini, lampade, in una maniera originale, sia per la progettazione che per la combinazione di materiali diversi, che si concentra sempre sulla qualità e l’esclusività del prodotto. Fondata a Firenze nel 1941, la Savio Firmino Design ha iniziato a produrre lampade e lampadari per poi includere la produzione di tutti i tipi di arredamento e decorazioni basandosi sulla tradizione rinascimentale e umanistica.

L’utilizzo di tecniche moderne e di qualità e la cura dei dettagli rendono i suoi prodotti unici nel suo genere. Savio Firmino ha una forte vocazione internazionale, con uffici e negozi mono-brand in Cina, Russia e USA, perfettamente pronto a soddisfare tutte le esigenze della clientela.

Nel lontano 1870 Agostino Renai aprì il primo laboratorio artigianale nel centro storico di Pontassieve, vicino a Firenze, e da allora il gioiello Renai rappresenta un simbolo di eleganza e espressione di abilità artigianale grazie alla creazione di pezzi unici che uniscono le tradizioni fiorentine con la modernità: una fusione di passato e presente, dalle tecniche artigianali, dal materiale e dalla filosofia creativa. È unica e speciale, invece, quella luce riflessa dalle creazioni di Antonio Palladino, artista toscano di una vecchia generazione di oreficerie.

I suoi gioielli sono realizzati attraverso una lavorazione particolare, chiamata “luminosa”, fatta a mano e che permette una lucentezza unica al diamante, senza l’uso di alcuna pietra. L’arte e l’immaginazione combinano quindi la creatività di questo designer, che offre una collezione di gioielli inusuali e originali e che non smette di stupire nella valorizzazione del gusto e della bellezza. Specializzata nella creazione e produzione di minigonne è invece Laura Chini.

Ogni realizzazione è il risultato di un processo di ideazione che inizia con disegni abbozzati a mano, stampati poi su tessuti e concretizzati fino al prodotto finito prestando attenzione a ciascuna delle diverse fasi della produzione.

La qualità del prodotto è assicurata lavorando in stretta collaborazione con artigiani italiani che rispettano il meglio della tradizione made in Italy. L’idea di creare una minigonna esclusiva nasce dal desiderio di offrire alle donne l’opportunità, attraverso la moda, di esprimere la propria dignità e libertà personale. Fondata nel 1961 da Mauro Bendinelli, la Fattoria Santo Stefano è specializzata nella coltivazione di viti, in particolare Sangiovese, e nella produzione di un ottimo Chianti Classico DOCG.

Dal 2000 gli eredi di Bendinelli riescono a riprendere, seguendo la tradizione familiare, le produzioni vinicole, offrendo anche un’altra gamma di prodotti come il vinsanto, la grappa, l’olio extra vergine di oliva, nella consapevolezza della modernizzazione della coltivazione e delle tecniche di vinificazione nelle cantine. In conclusione, troviamo Artelinea.

Fondata nel 1962 da Marcello Gobbini, è specializzata nel settore degli arredamenti bagno utilizzando il vetro come uno dei suoi componenti principali. L’azienda è nata come fabbrica di vetro e officina lavorando vetro e cristallo mentre in seguito, grazie al know-how dell’artigianato tradizionale, all’innovazione industriale, agli investimenti in ricerca e sviluppo, alla collaborazione con designer di talento e alla passione per l’imbarcazione, si è formata un’originale fusione tra diversi settori aziendali.

Nel corso degli anni, Artelinea è diventata sempre più specializzata nella produzione di specchi e lavabi in vetro, nonché nell’applicazione di vetro colorato utilizzando tecnologie esclusive.

Photo via Visualhunt