I mesi conclusivi del 2016 hanno presentato due appuntamenti imprescindibili per i players del settore delle quattro ruote per mettere in mostra le loro ultime novità automobilistiche: il Salone dell’Auto di Francoforte, quest’anno ospitato nella città tedesca di Hannover, e il Mondial de l’Auto di Parigi. Com’è da tradizione, l’edizione 2016 della kermesse tedesca dei veicoli commerciali e industriali, celebrata quest’anno nel capoluogo della Bassa Sassonia tra il 22 e il 29 settembre, ha offerto ricche opportunità e interessanti anteprime a visitatori e addetti ai lavori grazie ai modelli presentati, in particolare, da Volkswagen, Peugeot e FIAT.

Il marchio di Wolfsburg ha proposto il modello e-Crafter, un veicolo elettrico pensato per la distribuzione urbana a emissioni zero. Praticamente identico all’esemplare endotermico, ha un peso complessivo di 4,2 tonnellate ed è alimentato da un pacco batterie di 312 celle con capacità complessiva di 43 kWh posizionato sotto il piano di carico. Riesce a sviluppare una velocità massima di circa 80 km/h e ha un’autonomia sui 200 km mentre la carica delle batterie può raggiungere l’80% in un tempo di 45 minuti grazie alle colonnine di ricarica rapida.

La francese Peugeot ha invece mostrato al pubblico il nuovo Expert basato sulla nuova piattaforma modulare EMP2 garantendo più maneggevolezza ed efficienza grazie al sistema di frenata d’emergenza e le porte laterali scorrevoli con apertura automatica. Disponibile nelle tre lunghezze Compact, Standard e Long che misurano rispettivamente 4,6 metri, 4,9 metri e 5,1 metri, il nuovo Expert ha due motori diesel BlueHDi Euro 6: un 1.6 declinato in due livelli di potenza (95 e 115 CV) e un 2.0 declinato in tre livelli di potenza (120, 150 e 180 CV).

Presente ad Hannover anche FIAT che ha presentato tutta la gamma “full liner” dal Fiorino al Ducato anche se la novità più importante viene dall’ultimo modello Talento che va a completare un segmento fondamentale nella gamma di Fiat Professional. Due le versioni esposte, una per il trasporto merci e l’altra per il trasporto persone. In particolare, quest’ultima è  valorizzata da accessori di pregio come i tappetini in gomma, le luci interne a led e il porta-smartphone sulla plancia. Il motore diesel è il 1.6 EcoJet S&S TwinTurbo da 145 CV e 340 Nm con turbina a doppio stadio abbinato al cambio manuale a 6 rapporti.

Sotto l’ombra della Tour Eiffel s’è invece svolto, dal 29 settembre al 16 ottobre, il Salone di Parigi 2016, con tutta probabilità l’esposizione dedicata alle automobili che richiama il maggior numero di visitatori in tutto il mondo. In queste due settimane, al Paris Expo Porte de Versailles, i principali marchi automobilistici hanno esposto le proprie gamme di vetture al pubblico permettendo agli appassionati di vedere e toccare con mano i nuovi modelli, le ultime concept car e le anteprime delle auto del futuro. Dopo le prime due giornate canonicamente rivolte ai giornalisti e alla stampa di settore, la kermesse parigina s’è illuminata grazie alle novità presentate da Ferrari, Audi, Mercedes e Land Rover.

Il marchio di Maranello ha messo in esposizione la nuova GTC4 Lusso T che, rispetto alle precedenti versioni, offre una soluzione migliore per il motore grazie al V8 da 3,9 litri da 610 CV rispetto al più potente V12 da 690 cv migliorando anche i consumi con uno stupefacente 11,6 litri/100 km. Doveroso segnalare che il nuovo motore, congiuntamente alla trazione solo posteriore e all’adozione del sistema 4WS (ruote posteriori sterzanti), riesce a garantire un’eccezionale agilità e reattività. A Parigi, Audi ha puntato le proprie fiches sul modello Q5, la seconda generazione del Suv compatto. Pur riprendendo il caratteristico “Q design”, ben visibile nel tipico cofano, il tetto leggermente inclinato e gli specchietti retrovisori situati tra la linea di spalla e la stretta linea del finestrino, la nuova macchina presenta due grosse novità: l’Audi virtual cockpit che consente al guidatore la visualizzazione di tutta una serie di informazioni utili attraverso un quadro strumenti interamente digitale con uno schermo da 12,3 pollici in HD e i proiettori a LED Audi Matrix che, grazie alla telecamera interna, sono un dispositivo indispensabile per la sicurezza del veicolo e dei passeggeri.

Anche Mercedes non è stata a guardare ed ha presentato la EQ Concept, la nuova famiglia di auto elettriche. Basandosi su concetti come connettività, guida autonoma, condivisione ed elettricità, la Generation EQ è la battistrada di una gamma di veicoli a emissioni zero ed è il primo modello del brand di Stoccarda con struttura modulare composta da acciaio, alluminio e carbonio. La propulsione del veicolo è affidata ai due motori elettrici da 300 kW di potenza, collegati alle 4 ruote motrici e alimentati da batterie a litio da 70 kWh per un’autonomia di circa 500 chilometri. Per quanto riguarda gli interni, è da segnalare un display da 24” connesso alla rete e comandi tecnologici a sfioramento. Infine, per quanto riguarda le novità Oltremanica, Land Rover lancia la nuova Discovery pur nel tentativo di mantenere intatta la sua vocazione off-road. Siamo ormai alla quinta generazione di Land Rover Discovery e il nuovo modello è più grande rispetto al precedente Discovery Sport entrando di diritto nella famiglia “Leisure”. La trazione integrale della vettura inglese consente sempre l’off-road ma permette anche un utilizzo destinato più alla vita quotidiana grazie al gradevole design e agli interni in stile Range Rover per qualità dei materiali e ricchezza degli accessori. Sotto al cofano sono notevoli i motori Ingenium a benzina e a gasolio  abbinabili al cambio automatico ZF a manopola, altro tratto tipico della linea Discovery.

Photo credit: Peter23394 via VisualHunt.com / CC BY