CAMBIARE AUTO: CONSIGLI

Sostituire la propria macchina è da sempre una delle questioni più problematiche per ogni automobilista. Secondo un’opinione diffusa tra gli esperti del settore, il periodo di mantenimento di una vettura si aggira mediamente tra i tre e i cinque anni pena una grossa svalutazione in termini economici in caso di possesso prolungato dell’auto.

COME SCEGLIERE UNA MACCHINA NUOVA

Tradizionalmente, sono diversi i fattori da valutare con attenzione prima di procedere al cambio della macchina come il chilometraggio medio percorso, i costi di manutenzione e la resa dell’autovettura. Ma quando si è finalmente presa la decisione di sostituire il proprio mezzo, un automobilista, oltre al gusto personale e all’efficienza dell’auto, prende in considerazione anche altre opzioni per orientarsi in questa scelta come l’esistenza di incentivi statali, specie per l’acquisto di macchine a basse emissioni (metano, GPL, ibride o elettriche) o di incentivi da parte delle stesse case automobilistiche (come il caso di Fiat-Chrysler per l’acquisto di una vettura Fiat, Alfa Romeo o Lancia).

CAMBIARE AUTO: ALTERNATIVE POSSIBILI PER CAMBIARE MACCHINA

Anche prendere in considerazione il passaggio a un’auto di seconda mano è un’opzione molto gettonata così come il noleggio a lungo termine che sta prendendo piede soprattutto tra i liberi professionisti e le aziende.

Ma nel corso degli ultimi anni cambiare la propria vettura non è più soltanto una questione di manutenzione della stessa o di vantaggiose opportunità offerte dal mercato.

AUTO NUOVA: TENDENZE DI MERCATO

Le preferenze dei consumatori si stanno rivolgendo con sempre maggiore interesse ai modelli attenti all’aspetto “green” oppure ai servizi hi-tech in dotazione e le case automobilistiche stanno cercando di intercettare le nuove esigenze del pubblico.

Nel corso del 2016, alcuni marchi storici hanno investito cospicue risorse finanziarie per produrre dei modelli automobilistici dotati di maggiore autonomia, di un design seducente e di accessori di ultima generazione nell’ottica di promuovere la mobilità sostenibile e di abbattere gli ingenti costi di gestione legati alla manutenzione e alla benzina; un settore che non è più da ritenere per soli appassionati o di nicchia ma che guarda agli sviluppi futuri dell’auto.

AUTO DI NUOVA GENERAZIONE: TECNOLOGIA E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Fiat-Chrysler ha approfittato dell’ultimo Salone Internazionale dell’Auto di Detroit per presentare Pacifica, la prima vettura ibrida del marchio torinese che ha immediatamente catturato l’attenzione del pubblico. Nelle intenzioni di Fiat, Pacifica rinnova il concetto di Minivan proposto dalla Chrysler nel 1984 inserendo un motore V6 Pentastar 3.6 con una potenza di 248 cavalli affiancato da due propulsori elettrici che assicurano la trazione integrale e portano la potenza complessiva della Pacifica a 260 cavalli.

Le batterie agli ioni di litio da 16 KW/h permettono una percorrenza di circa 50 Km grazie all’accumulazione di energia in fase di ricarica. Pacifica anticipa altre novità nel settore delle auto ibride del marchio torinese dove, molto attese, sono il Suv Maserati Levante e la nuova versione dell’Alfa Romeo Giulia.

La giapponese Toyota non è stata da meno con la Rav4, il fuoristrada ibrido prodotto dal brand nipponico mosso da un 2.5 di cilindrata con potenza di 197 cavalli e da un motore elettrico che va ad agire unicamente sulle ruote posteriori per assicurare una trazione integrale intelligente. Consumi per litro attorno ai 20 chilometri con un litro con emissioni a circa 116 grammi di CO2 per chilometro.

E anche Volkswagen ha lanciato la versione ibrida plug-in GTE, sigla che racchiude la doppia anima della casa automobilistica tedesca: l’ispirazione ecologica a basso consumo coniugata alla vocazione sportiva. Il propulsore termico 4 cilindri turbo TSI da 1.4 litri con 150 CV si associa a un motore elettrico da 75 KW, permettendo alla Volkswagen Golf GTE un’autonomia di circa 50 chilometri.

Per ricaricare le batterie occorrono circa 4 ore con una presa a 220 Volt.

CONNECTED CARS: LE AUTO DEL FUTURO

Oltre alle vetture alimentate in maniera ibrida, il mercato automobilistico sta orientando le proprie scelte anche sul settore hi-tech e, in particolare, di tutti quei veicoli che garantiscono tecnologie di connettività tramite smart-phone oppure direttamente collegati con cloud, app e dispositivi di domotica.

Secondo una ricerca dell’Osservatorio Autopromotec, la più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, il mercato delle “connected cars” raggiungerà un valore di oltre quaranta miliardi di dollari entro il 2018 con un incremento rispetto al 2015 del 66,7%. I motivi sono facilmente comprensibili: massimo risparmio sulla benzina, comfort e sicurezza garantita in quanto un’auto connessa assicura la possibilità di rimanere costantemente informati su traffico, condizioni meteo ed eventuali pericoli stradali; tutto in maniera contactless per consentire al conducente di tenere sempre le mani sul volante.

Visto il crescente interesse del pubblico verso le “connected cars”, alcune case automobilistiche hanno iniziato a sviluppare dei prototipi per venire incontro a questo segmento di mercato. Volkswagen presenta il modello Budd-e, rivisitazione del famoso pullmino prodotto negli anni ’50 e progettato come una concept car elettrica a guida autonoma a trazione integrale, con 533 chilometri di autonomia.

AUTOMOBILI E CONNESSIONE INTERNET PER ACQUISTI ONLINE

Tra gli accessori intelligenti e connessi, un dispositivo Dropbox, per gli acquisti online. Audi, invece, punta le sue carte sulla R18 E-tron quattro, prototipo di un SUV totalmente elettrico a guida semiautomatica che vede, tra le sue caratteristiche, la possibilità di effettuare il parcheggio senza intervento umano. Anche la start-up Faraday Future ha presentato la sua “connected car” con la FFZERO1. Questa futuristica vettura è una monoposto connessa e autonoma a emissioni zero con interni suggestivi: sedile hi-tech modello Nasa e un display intelligente che presenta un’interfaccia particolarmente intuitiva. Infine Chevrolet lancia la sua Volt. Si tratta di una macchina molto hi-tech che ospita il sistema di infotainment Chevrolet Mylink in grado di rilevare tutte le stazioni di ricarica e capace di calcolare i percorsi più rapidi e vantaggiosi. Bluetooth sempre attivo e connessione OnStar 4G LTE completano il quadro dei servizi tecnologici di questa elegante auto prodotta da Chevrolet.